compra il tuo bigliettoiscriviti alla newsletter digitale
 

Giorgio Morandi

/Opere e biografia

  zoom

Natura morta con portaorologio, 1915
Olio su tela, 74,5 x 53 cm
Collezione Gianni Mattioli
Deposito a lungo termine presso la Collezione Peggy Guggenheim, Venezia
© Giorgio Morandi, by SIAE 2008


Nel 1915 Giorgio Morandi è ormai pienamente consapevole degli esiti pittorici del Cubismo. Questa combinazione di oggetti (un orologio, due scatole poste una sopra l’altra e un grosso vaso) ricorre frequentemente nelle nature morte di Morandi di questo periodo. Il quadrante rotondo dell’orologio, la cassa e il piedistallo sono osservati da dietro e gettano un’ombra dentellata sul piano chiaro davanti a loro. Le due scatole sono in primo piano, e il vaso dal collo allungato e dall’imboccatura pronunciata rimane parzialmente nascosto dietro di esse. Nonostante il carattere cubista, l’opera mantiene un'impostazione spaziale sicura e comprensibile, con il ripiano del tavolo chiaramente separato dal fondo da una linea orizzontale. Mentre qui Morandi comprime i diversi oggetti in un’unica forma complessa, poco dopo preferirà distinguerli, disponendoli singolarmente su una stessa linea davanti a sé.

credits: Hangar Design Group